Caro Spezzino Vero,

scrivo a te un po’ a caso, nella speranza che tu mi possa dare una mano. Sono Arianna, ho 28 anni e sono di Montelupone un piccolo paese in provincia di Macerata, nella Marche.

Tu dirai, come tutti quelli che ti leggono: “E a noi cosa importa?”.  Ve lo dico perché sono dettagli importanti per farmi riconoscere da chi voglio che mi riconosca, che poi è chi sto cercando.

La storia intera che dovrei raccontarvi è troppo lunga. E per questo cerco di farla breve. Sono stata in vacanza a Barcellona a metà luglio. Una vacanza cui arrivavo da single, dopo una storia durata tre anni e finita in maniera abbastanza travagliata.

Leggi anche  Lettere a Spezzino Vero - "Io, quasi aggredita, per aver difeso le meduse"

Una sera, al Razzmatazz, mi sono imbattuta in un ragazzo di La Spezia. “Imbattuta” è il termine giusto, perché l’ho proprio scontrato mentre avevo in mano la roba da bere. Gli ho sporcato la camicia, ma non si è arrabbiato. Poi l’ho rincontrato nel corso della serata e, scherzando, mi ha offerto un drink dicendo: “Quello di prima ti si è rovesciato…”

Abbiamo chiacchierato un po’, mi ha detto che si chiama Francesco, che è di La Spezia e ci siamo dati appuntamento il giorno successivo, per fare un aperitivo insieme. Non ha voluto darmi il numero di telefono e non ha voluto annotarsi il mio, perché ha detto che avrebbe voluto scoprire tutto di me guardandomi negli occhi.

Leggi anche  Lettere a Spezzino Vero - "Possiamo aspettare ancora per l'elettrificazione delle banchine?"

Il giorno dopo, però, io non sono riuscita ad andare all’appuntamento puntuale. L’amica con cui ero in vacanza si è sentita male, l’ho accompagnata al pronto soccorso e mi sono persa l’orario. Sono arrivata quaranta minuti dopo rispetto a quelli che erano gli accordi e Francesco nel locale non c’era.

Ho aspettato un’ora anche io, nella speranza fosse in ritardo pure lui, ma non si è visto. Sono tornata al locale anche la sera successiva, ma niente da fare.

Ora scrivo a voi, nella speranza di rintracciarlo: Francesco, ho avuto un contrattempo e non avevo il tuo telefono, ma da quando ci siamo conosciuti aspetto di raccontarti tutto quello che non ti ho raccontato.

Leggi anche  Liguria da bere: ritorno con tutto esaurito

Sono pronta a venire a vedere se, come mi hai detto, “Barcellona è bella, ma Porto Venere è meglio”.

E soprattutto sono curiosa di conoscere meglio te.

Ringrazio chi vorrà aiutarmi,

Arianna