Un breve compendio di alcune delle esperienze che molto probabilmente tutti gli spezzini hanno in comune

L’ho fatto anche io, perché sono spezzino.

Ho detto che sono di Spezia a chi me lo chiedeva e specificato che dire Spezia è una roba solo per noi, per gli altri è La Spezia.

Ho parlato male della mia città tra di noi e l’ho difesa strenuamente davanti ai foresti. L’una e l’altra cosa le ho fatte soprattutto perché sono spezzino, non per altro.

Ho preso il P dopo aver forcato a scuola.

Ho pensato che ogni macchina con alettone o ribassata che ho visto passare per strada fosse targata MS. E nel caso fosse targata SP ho sempre pensato che alla guida ci fosse solo un intruso, un agitatore.

Ho detto mille mille volte che Spezia è una città di mare senza mare e spiegato a gente allibita che non c’è spiaggia in città. “NON C’È SPIAGGIA IN CITTÀ” sembra incredibile, ma è così.

Leggi anche  LE MAMME DI SPEZIA

Ho ordinato un MISTOABBONDANTE e sentenziato che la fainà è la fainà, non cecina. Anche se in realtà non me ne è mai fregato un belino.

Ho aspettato l’estate per andare al mare. Quando è arrivata l’estate, ho iniziato a dire che al mare è meglio andarci un attimo prima e un attimo dopo dell’estate. Questo perché sono spezzino.

Ho imparato a memoria le curve della Cisa e la strada per il bancone dell’autogrill di Medesano.

Ho pensato – intasato nel traffico autostradale – che ci vorrebbe una corsia per soli spezzini. Una corsia apposita da una parte e dall’altra tutti gli altri, che vengono a elemosinare il mare. E mi sono sempre sentito rispondere che allora noi elemosiniamo il lavoro. Un po’ è vero.

Leggi anche  I 12 panorami imperdibili della provincia spezzina

Ho guardato talvolta la città con occhi stranieri. Il suo lungomare fiorito, i colli appena dietro, il profilo del castello – deciso, ma delicato. L’ho trovata bella. Mi sono compiaciuto.

Sono stato bambino e me ne sono andato in giro con il mio “toco” di focaccia in mano, seduto nel passeggino. Continuo a vederlo succedere. Sorrido.

Ho preso il treno dopo la campanella negli ultimi giorni di scuola: direzione CinqueTerre, Levanto, Bonassola. L’idea di libertà.

Ho fatto avanti e indietro in via Prione che ci potrei arrivare sulla luna (e so che prima succedeva lo stesso in via Chiodo).

Ho lamentato l’assenza di cose da fare.

Leggi anche  "Il sindaco è un cinghiale!" Quando Spezia ha fatto la storia

Ho contato i giorni a San Giuseppe.

Ho domandato dove si vedano meglio i fuochi del Palio e poi sono arrivato in ritardo nel luogo dove vederli. Ma intanto non importa, quello che importa è il momento.

Ho giocato su campi da calcio in sassi e cemento, le ginocchia lo sanno bene.

Ho preparato valigie per andare lontano mettendoci sempre dentro i panni da sciacquare in casa, segnati dalla voglia del ritorno.

Ho pensato che “No, non ce la possiamo fare”.

Ho rimandato a “Tra un atimino”, non fatto cose perché “non ne avevo manco per il belino”, affrontato i problemi alzando il sopracciglio o le spalle.

Ho considerato la vita come una cosa seria.

Ma senza farne un dramma.

E tutto questo perché sono spezzino.