Tra i banchi della Fiera di San Giuseppe 2024 di Spezia

Stabiliti dati e percorso della tradizionale fiera patronale spezzina. Il centro città si prepara per tre giorni di festa

La Fiera di San Giuseppe 2024 alla Spezia si terrà nei giorni 17, 18 e 19 marzo. Sono queste le date scelte dall’amministrazione comunale per l’attesa e tradizionale fiera patronale. Da domenica 17 marzo a martedì 19 marzo 2024, dunque, il centro città sarà invaso da bancarelle, spezzini e curiosi. Nella loro disposizione i banchi ricalcheranno l’edizione 2023, andando a occupare l’area compresa tra piazza Europa e via Persio (viale Italia rimarrà comunque dedicato al traffico).

Dove si svolgerà la fiera di San Giuseppe?

Come da tradizione, nei giorni della Fiera di San Giuseppe i banchi (solitamente oltre 600) saranno i veri protagonisti della vita del centro cittadino.

Leggi anche  Focaccia e cappuccino: la colazione ligure spiegata ai foresti

Con lo stesso provvedimento che ha individuato le date di svolgimento della manifestazione (la determinazione dirigenziale 2024/361), l’Amministrazione comunale ha anche stabilito che le vie e le piazze in cui potranno stabilirsi i banchi sono le stesse dell’edizione 2023.

Quindi, nell’area compresa tra piazza Europa e via Persio, i banchi si snoderanno in: piazza Europa, piazza Bayreuth, viale Mazzini, passeggiata Morin, piazza Verdi, via Chiodo, via Cadorna, via Diaz e via Persio.

La mappa della Fiera di San Giuseppe 2024

La planimetria della Fiera di San Giuseppe della Spezia 2024.
Evidenziazione delle aree in cui si troveranno i banchi.
Sono evidenziate le vie:  iazza Europa, piazza Bayreuth, viale Mazzini, passeggiata Morin, piazza Verdi, via Chiodo, via Cadorna, via

Quando sarà la notte bianca per la fiera di San Giuseppe?

Le ultime edizioni della Fiera di San Giuseppe sono sempre state organizzate dall’organizzazione di una Notte Bianca.

Si può supporre che questa usanza verrà confermata, ma al momento attuale la data della speciale serata ricca di eventi non è ancora stata ufficializzata.

Leggi anche  "Grazie a chi ha spento l'incendio: mi ha salvato la casa"

Come è nata la Fiera di San Giuseppe della Spezia

La Fiera di San Giuseppe è per gli spezzini un momento cardine dell’anno, capace di segnare le stagioni. Attesissima, non è sempre compresa fino in fondo da chi spezzino non è (per questo abbiamo anche scritto una breve guida per spiegarla “ai foresti”).

Le origini della Fiera di San Giuseppe risalgono al 1653, quando il “Consilium Spediae” scelse San Giuseppe come patrono della città e chiese al Senato di Genova il permesso di poter organizzare una fiera in suo onore.

I mercanti vennero invitati a radunarsi alla Spezia, incentivati dall’abolizione dei dazi per i tre giorni della Fiera di San Giuseppe.

Leggi anche  Il castello di Lerici riapre: i visitatori faccia a faccia con Andrea Doria

La Fiera di San Giuseppe nella leggenda: quando il patrono ha salvato Spezia dalla peste

Proprio negli anni in cui La Spezia scelse San Giuseppe come proprio patrono – abbandonando San Rocco – la Liguria (come d’altronde l’Italia e l’intera Europa) venne colpita da una terribile epidemia di peste.

Basti pensare che l’epidemia costò alla vicina Genova circa 80mila vittime. Un numero così cospicuo per cui, di fronte all’impossibilità di dare sepoltura a tutti, i cittadini della Superba scelsero di allestire alcune fosse comuni (e così nel 900 si ritrovarono gallerie piene di scheletri, come quella dell’Aquasola).

La Spezia venne invece risparmiata, quasi miracolosamente, e molti cittadini pensarono fosse merito dell’intercessione di San Giuseppe, nuovo patrono cittadino.